Curiosità: la bicicletta danneggia il sesso forte?

    In passato, vari medici hanno ripetutamente sostenuto che il ciclismo ha un impatto negativo sul sesso maschile. Molto popolare negli anni ’90 è stata la tesi del professor Irwin Goldstein del Boston Univeristy Medical Center secondo il quale l’impotenza avrebbe potuto essere causata dal costante impatto della regione dei genitali maschili sul sellino della bicicletta.
    Curiosità Magalog Bike
    Alcune tesi che sostengono che la bicicletta possa causare disturbi di vario genere agli uomini. Sfatiamo alcuni falsi miti su questo delicato argomento!

    Spoiler Alert - Attenzione: dichiarazioni così serie ma senza prove dovrebbero sempre essere trattate con cautela, anche se provengono da fonti mediche. Non vogliamo giungere a una conclusione definitiva in questa sede, ma solo andare un po’ più nel dettaglio della questione.

    Mito 1: Impotenza o infertilità

    Se la sella è stata scelta in modo errato o se è posizionata in modo inappropriato, possono verificarsi disturbi circolatori temporanei nella zona genitale, ma niente di più. Tuttavia, la stabilità generale dei genitali dell'uomo non è a rischio, così come la sua fertilità. La sella deve ovviamente essere adeguata, posta orizzontalmente o leggermente inclinata in avanti, in modo che il carico del sedile colpisca i glutei e la zona del perineo sia alleggerita: così facendo il ciclista può tranquillamente continuare a soddisfare il suo desiderio di diventare papà anche dopo un giro ciclistico mondiale.

    Bike Shop Online
    Pedalare non ha controindicazioni, a patto di avere la bici giusta! Scopri l'ampia gamma proposta sul nostro Shop Online >>>

    Mito 2: Perdita della libido

    Dopo un lungo tour in bicicletta si è stanchi, esausti e il desiderio dell'uomo di ulteriori sfide fisiche è limitato. Ma! Con il ciclismo, come con tutti gli altri sport e attività fisiche, la circolazione viene stimolata, il corpo viene rifornito di sangue, ormoni come serotonina, dopamina e adrenalina vengono rilasciati, e, di conseguenza, il desiderio di vita (e di sesso!) aumenta.

    Mito 3: Cancro alla prostata 

    La pressione sulla zona perineale, e quindi anche sulla prostata, può essere ridotta, come già descritto in "Mito 1", ottimizzando la posizione della sella. Questo aiuta a mantenere una buona circolazione sanguigna in questa zona sensibile e a rimanere in salute. Uno sforzo costante e faticoso su una parte del corpo porta, prima o poi, a problemi di salute, e questo vale anche per i genitali maschili. Durante lunghi tour in bicicletta, il valore del PSA (proteina formatasi nella prostata) aumenta, ma dopo pochi giorni ritorna alla normalità (ricordiamo che il PSA aumenta automaticamente con l’età). Non esiste quindi una connessione diretta e dimostrata tra ciclismo e cancro alla prostata.

    Sportler Bike.services
    Consulenza per l'acquisto, riparazione, controlli sicurezza, bike fitting: scopri i bike.services di Sportler per non incorrere in spiacevoli inconveniente sulle due ruote! >>>

    Good News:

    Il ciclismo mette, rimette o mantiene in forma, aumenta la circolazione sanguigna del corpo, rafforza il sistema immunitario e rende felici.

    Le dimensioni inadeguate del telaio, un errato posizionamento della sella o un uso davvero estremo della bicicletta possono essere più un danno che un beneficio per la salute, ma questo vale anche per tutte le altre attività (o inattività) della vita.

    Bike shop online sportler
    Andare in bicicletta rende felici! Scopri la bici perfetta per te sul nostro shop online!

    Latest News, Good to Know:

    Selle Royal ha sviluppato le selle Scientia insieme agli scienziati del "Centro per la salute attraverso lo sport e l'esercizio" della Sport University tedesca di Colonia. A seconda della posizione di seduta e della distanza tra le ossa, è ora possibile determinare la sella più adatta ad ogni individuo. Leggi il nostro articolo "Comfort ideale con le selle Selle Royal Scientia".

    Selle Royal Shop Online
    Comfort ideale con le selle Selle Royal Scientia.