Salewa: Train to Climb - un amore che va oltre le generazioni

    "Le montagne possono essere una casa. Possono anche essere un luogo dove si muore o ci si ferisce. Ma ci andiamo lo stesso, sai?". Eline Le Menstrel conosce fin troppo bene le emozioni associate alla montagna. La 23enne appassionata di arrampicata recentemente è entrata a far parte del team di atleti di Salewa. Oggi la conosceremo meglio e scopriremo la storia del suo tour attraverso le Dolomiti.
    Atleta che scala una parete in montagna
    L'atleta Salewa Eline Le Menstrel (Credits: Matteo Vettorel, Storyteller Labs/Salewa) >>>

    Eline è nata a Fontainebleau, nella regione Île-de-France, ed è cresciuta a Barcellona, luogo nel quale i suoi genitori hanno deciso di trasferirsi per l'incredibile quantità di roccia che la Catalogna ha da offrire. L'arrampicata, dice, è dove si manifesta il suo amore per la vita. Con altrettanta determinazione, Eline persegue anche una seconda grande passione: la musica. Ecco perché non viaggia mai senza il suo amato flauto. Si sente veramente a casa quando le è permesso di essere sé stessa: quando scala, quando fa musica e quando è immersa nella natura e in montagna.

    Ragazza che suona flauto
    Le grandi passioni di Elines: l'arrampicata e la musica (Credits: Matteo Vettorel, Storyteller Labs/Salewa) >>>

    Le Menstrel - Una famiglia, una passione

    Negli ambienti dell'arrampicata, il nome "Le Menstrel" gode di uno status prestigioso. Marc Le Menstrel, il padre di Eline, è un pioniere del bouldering, conosciuto oltre i confini della Francia e vera leggenda dell'arrampicata. Insieme a suo fratello Antoine e alla "Gang des Parisiens", un gruppo di arrampicatori, ha aperto alcune delle vie di arrampicata più difficili del mondo negli anni 80. Egli diede questo consiglio a sua figlia Eline: "Sii aperta e gentile (come un buon compagno di arrampicata), ascolta il tuo corpo (e non solo la testa) e segui la tua passione (nutri quel fuoco interiore che arde in te, così che resti vivo)". Eline, che è molto legata alla sua famiglia e alla sua storia, pianificò un tour delle Dolomiti per l'estate del 2020 per seguire le orme di suo nonno che ha scalato la più grande delle Tre Cime 60 anni fa - quando aveva l'età di Eline oggi.

    Ragazza che suona la chitarra in mezzo alla natura
    Musica e natura in armonia (Credits: Matteo Vettorel, Storyteller Labs/Salewa) >>>

    L’arrivo alle Dolomiti

    Nell'aprile 2019, Eline giunge per la prima volta a Bolzano e comincia a conoscere meglio le Dolomiti, delle quali, a causa della distanza, non sapeva ancora molto. Soprattutto le Tre Cime suscitarono la sua curiosità e così sviluppò l’idea di scalare la Grande (2.999m) insieme a suo padre. Nell'agosto 2020, il momento è arrivato: senza suo padre ma con i suoi migliori amici Eline parte dalla Francia verso le Dolomiti.

    Ragazzi in tenuta da arrampicata
    L'avventura chiama - e Eline risponde (Credits: Matteo Vettorel, Storyteller Labs/Salewa) >>>

    Domande su domande

    Ancor prima di arrivare in Alto Adige, Eline si pone delle domande su cosa abbia portato qui suo nonno: che posto è questo? Perché stile ed etica sono così importanti da queste parti? È qui che è nata l’arrampicata sulle grandi pareti, prima ancora che nello Yosemite? Perché mio nonno decise di venire proprio qui, cosa cercava tra queste rocce? Che sensazioni provò scalando queste vie? Aveva paura? Le ha aperte lui? Ma quando inizia la loro avventura nell'arrampicata, queste domande sono messe in ombra da altre nuove: questa via sarà troppo difficile? Che vuol dire Schlüsselstelle? Qui si può scendere in corda doppia dall’appiglio? E se la corda s’impiglia? Non è che questa presa si staccherà al primo tiro? Da quant’è che è piantato qui questo chiodo? E se cado?

    Ragazza che mangia in mezzo alle montagne
    Le montagne sono la sua casa. Eline si fida di Salewa (Credits: Matteo Vettorel, Storyteller Labs/Salewa) >>>.

    Salewa: Pure Mountain

    Eline fa parte degli atleti Salewa ed è impressionata dalla passione per la montagna che dimostrano le persone di Salewa. Qui le montagne non solo influenzano l'azienda ma anche il modo in cui la gente ha sempre vissuto in Alto Adige. Eline si affida al marchio Salewa che - ispirato costantemente dalle Dolomiti - porta sul mercato prodotti sempre nuovi e innovativi. Soprattutto la nuova collezione "Salewa Alpine Hemp" convince in particolar modo. Realizzati con la fibra naturale della canapa, gli indumenti sono durevoli, regolano l'umidità e la temperatura e sono antibatterici e resistenti alle abrasioni.

    Total look per lei

    Salewa W Alpine Hemp Graphic S/S - T-shirt - donna
    Salewa W Alpine Hemp Graphic S/S - T-shirt - donna
    Salewa Alpine Hemp Print W - sweatshirt - donna
    Salewa Alpine Hemp Print W - sweatshirt - donna
    Salewa W Alpine Hemp Print S/S - T-shirt - donna
    Salewa W Alpine Hemp Print S/S - T-shirt - donna
    Salewa Alpine Hemp - pantaloni arrampicata - donna
    Salewa Alpine Hemp - pantaloni arrampicata - donna
    Salewa W Alpine Hemp Light - pantaloni lunghi alpinismo - donna
    Salewa W Alpine Hemp Light - pantaloni lunghi alpinismo - donna
    Salewa Alpine Hemp Print W - top arrampicata - donna
    Salewa Alpine Hemp Print W - top arrampicata - donna

    Total look per lui

    Salewa Alpine Hemp M - felpa - uomo
    Salewa Alpine Hemp M - felpa - uomo
    Salewa Alpine Hemp Print M S/S - T-shirt - uomo
    Salewa Alpine Hemp Print M S/S - T-shirt - uomo
    Salewa M Alpine Hemp - T-shirt - uomo
    Salewa M Alpine Hemp - T-shirt - uomo
    Salewa M Alpine Hemp Light - pantaloni lunghi alpinismo - uomo
    Salewa M Alpine Hemp Light - pantaloni lunghi alpinismo - uomo
    Salewa M Alpine Hemp Cargo - pantaloni corti arrampicata - uomo
    Salewa M Alpine Hemp Cargo - pantaloni corti arrampicata - uomo

    Paure e visioni del futuro

    Dopo aver salito a vista alcune difficili vie nelle Dolomiti nell'estate del 2020, Eline è caduta sulla "Via dei pesci" sul versante sud della Marmolada. Ha subito diverse ferite e fratture gravi e attualmente si sta riprendendo - fisicamente e mentalmente. Per Eline, la paura è sempre legata all'amore: "Se hai paura di qualcosa, hai paura di perdere qualcosa che ti è caro. Se ne sei consapevole, ne trai nuova forza per tornare dove ti senti a casa.

    Collage di foto di persone in ambiente montano
    Ispirato dalla natura: Salewa Alpine Hemp (Credits: Matteo Vettorel, Storyteller Labs/Salewa) >>>

    Noi di SPORTLER auguriamo a Eline una pronta e completa guarigione in modo che possa presto tornare in montagna e vivere il suo amore per l'arrampicata.

    Potrebbero piacerti anche questi articoli