I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accettil'utilizzo dei cookie da parte nostra.
OK
22 stores nelle Alpi 40 anni di competenza Diritto di recesso di 100 giorni Spedizione gratis da 100€

Patagonia , Slim Jeans - Pantaloni lunghi trekking - donna

Per il tuo tempo libero

-60%

40,00 100,00
*prezzi IVA incl. ed escluse le spese di spedizione
Spedizione gratuita a partire da 100 €
  • Patagonia Slim Jeans - Pantaloni lunghi trekking - donna, Blue
Il prodotto selezionato non é disponibile
2077577-1 55120

NumArt. M2077577

Slim Jeans - Pantaloni lunghi trekking - donna

Pantaloni lunghi jeans da donna W's Slim Jeans di Patagonia perfetti per il tempo libero, ma anche molto versatili, con taglio slim per esaltare la femminilità. Design semplice e pulito.
  • Vita con passanti per cintura
  • Tasche laterali e sul retro aperte
Dettagli del prodotto:
  • MaterialeComposizione 98% Cotton; 2% Spandex
  • Gruppo misure STD
  • N° variante2077577-1
  • N° fornitore55120
  • Adatto perdonna
  • AttivitàTempo libero
Informazioni su Patagonia
Patagonia Online Shop. Il minimalista 'verde'.
Patagonia e l'arte del riciclo: piumini ultralight, giacche in pile, gonne secondo valori ecologici! Patagonia azienda che evoca luoghi esotici ed emozioni particolari, un po' come El Dorado o Shangri-La. Patagonia, nata dal nulla, mostra al mondo come si attuano scelte responsabili nei confronti dell'ambiente e degli stessi collaboratori. Fondata da Yvon Chouinard nel 1972, Patagonia non si accontenta di mezze misure o risultati mediocri. I prodotti migliori devono essere quelli che 'capitano' tra le mani del cliente, che ne può apprezzare tutte le caratteristiche. E il consumatore deve comprare solo ciò di cui ha davvero bisogno: stop al superfluo dunque per Patagonia! Funzionalità e minimalismo sono i punti forti dai quali l'Abbigliamento Patagonia e l'Attrezzatura Patagonia non si vogliono discostare: qualità e praticità rendono il marchio Patagonia un vero Leader di settore. Si tratta di una verniciata 'green' o i californiani fanno sul serio?